No halloween!

Riparte la crociata del sottoscritto contro la festa di halloween… se volete partecipare basta:

  • copiarvi quest’immagine sul vostro blog (o farne una migliore)
    no halloween
  • linkare questa pagina o semplicemente riportare sul vostro sito il testo del blockquote
  • preparare un casino di tortelloni alla zucca e mangiarli in compagnia

ciuaz

  • Nicola

    Ti posso chiedere il perchè?
    Si insomma cosa ti ha fatto?

    Preferisci andare mogio mogio al cimitero con una falsa ipocrisia stampata in faccia di chi sembra “ricordarsi” del nonno morto solo 1 volta all’anno?

    ATT.NE NON è ne una predica ne un favoritismo alla festa, solo una domanda…

  • no..no.. sono anche contro al culto dei morti :)

    che per inciso è il 2 di novembre e non l’1, che a sua volta è tutti i santi. Da notare che tutti i santi non dovrebbe per nulla essere una festività lugubre in quanto sovrapposizione voluta dal clero per cancellare una festa romana sulla fertilità delle piante…

    comunque sia, halloween era una festa celtica, per la precisione il capodanno

    inoltre se la gente si vuol vestire da qualcos’altro e chiedere i dolci ti ricordo che c’è il carnevale…

  • ah dimenticavo..

    cosa mi ha fatto la festa?

    nulla…

    Sono un avvocato del diavolo, io… ;)

  • io sono assolutamente d’accordo con fullo che senso ha festeggiare una festa che non è della nostra cultura?
    allora perchè non festeggiare anche il giorno del ringraziamento o perchè non fare il ramadam?

  • Nicola

    Per il 4° Luglio posso anche essere d’accordo… mentre i 40gg di astinenza, bhè parliamone ;)

    Scherzi a parte ci sono festività che sono ovviamente legate alla cultura/storia dei singoli stati (4Lulgio – 25Aprile – etc) certe altre – figlie del consumismo- possono benissimo essere integrate nella cultura popolare MONDIALE, ci dobbiamo rendere conto che siamo una nazione UNICA TERRESTRE!

  • quindi importare/usare:

    festa consumistica è giusto (halloween, s.valentino, pasqua, natale)

    festa tradizionale/religiosa è sbagliato (ramadan, quaresima) in quanto non divertenti (?!)

    festa nazionale è sbagliato (25 aprile, 4 luglio, 14 luglio…)

  • Condivido totalmente la critica di fullo su halloween e ne appoggio l’iniziativa.

    CiauZ.

  • Risolviamo la questione di Halloween, prendere un aereo e venite a festerggiarlo a Dublino … vi aspetto il 31 Ottobre

  • Scusa tanto ma non penso che una festa consumistica sia un problema… l’importante è divertirsi!!!!

  • Mah! cose consumistiche o no questa sera hi volgia di divertirmi! di certo non andro’ in giro mascherato e non andro’ a rubare le caramelle ai vecchietti!
    NON e’ una nostra festa, ma ai giovani “”INAMEBITI”””(da AMEBA, mollusco ozioso) serve una scusa per riuscire a fare qualcosa di diverso dal solto. io non sono un vecchione, ma vedo che 10 anni fa quando pischello facevo i primi giri con la macchina, ci si divertiva in maniera completamente diversa. +- sana, ma sicuramente piu’ INTELLIGENTE(usavamo la testa e ci facevamo venire idee!)

    boh.. stasera son polemico.. mi vado a fare una doccia!!!
    ciao e … comunque sia… BUONASERATA!

    P.S. appoggio l’oggetto del forum.

  • Non potevo esimermi dal dare un mio modestissimo contributo a questa discussione su Halloween.
    Io sono di CORINALDO in provincia di ANCONA, e se ci siete venuti o ne avete sentito parlare dovrebbe essere la “Capitale d’Italia di Halloween” con la sua manifestazione Halloween “La Festa delle Streghe”, così come ci ha definito 2 anni fà il Sole 24 Ore, ed era ancora la sesta edizione e le presenze da allora sono più che raddoppiate raggiungendo quest’anno dal 27 al 31 ottobre le 80.000 presenze da ogni parte d’Italia e con autobus e vacanze organizzate sia dalla Germania sia dall’Inghilterra per vivere in prima persona l’atmosfera di festa , di divertimento e di spensieratezza che si può vivere a Corinaldo durante Hlloween.
    Quest’anno siamo pure stati quasi attaccati dal vescovo e dal nostro parroco: ma mentre il vescovo ha fatto delle precisazioni su tale festa dicenso che la gente nonostante questa festa pagana non dovrebbe dimenticarsi della tradizione cristiana dei morti e dei santi, il nostro parroco ha attaccato la nostra manifestazione (che vede la presenza anche di un importante mercatino dell’artigianato con artigiani provenienti da ogni parte d’Italia e di svariati laboratori per bambini e della costante collaborazione co tutte le scuole corinaldesi: 4 asili, 3 scuole elementari e tutte le scuole medie nell’organizzare degli spettacoli teatrali e delle scenografie durante la manifestazione. Per non parlare poi del ritorno d’immagine che a livello turistico può rappresentare una manifestazione di cui si parla a livewllo nazionale pur essendo organizzata in un paese di 5400 abitanti cioè CORINALDO.
    Tutto questo per farvi capire che questo adattamento, almeno per quanto riguarda la manifestazione di Halloween di Corinaldo, di Halloween appunto facendolo diventare un carnevale autunnale in cui si ride, si balla, ci si diverte e si vive in uno scenario da fiaba o da favola in una delle cornici storiche più belle importanti delle Marche (così come è nota e riconosciuta Corinaldo dalle migliori testate giornalistiche che si occupano di turismo e cultura : Corinaldo è Paese Bandiera Arancione, uno dei Borghi più Belli d’Italia e Bandiera Verde per il suo impegno per la salvaguardia delle tipicità, del territorio e dell’Agricoltura.
    Questo per farvi capire che fatte con la testa e con intelligenza alcune cose perdono il loro aspetto negativo divenendo un qualcosa di positivo ed anche costruttivo.
    Con questo vi salutoe vi invito a venire a trovarci a CORINALDO (ANCONA) ormai per il prossimo anno èer la 9° edizione di HALLOWEEN “LA FESTA DELLE STREGHE” l’ultima settimana di ottobre 2006.

  • Pingback: Smoker's Area()

  • Karim

    Molto interessante la storia di Corinaldo ma sinceramente preferirei conoscere questo paese per le sue tradizioni tipiche piuttosto che per una festa commerciale ben lontane dalle nostre tradizioni.
    Mi chiedo solo quando inizieremo a festeggiare anche il 4 luglio o il giorno del ringraziamento.

  • laura

    ciao
    sono a roma stasera esco ma vorrei andare in posto senza ritrovarmi 4 imbecilli mascherati davanti! com’è carnevale è passato di moda? …no perchè è carino mascherarsi a carnevale ma questa sera proprio no ! tanto se ci vestiamo da zombi non ci nota comunque nessuno, figurati passano inosservati milioni vittime di guerra. io non ci trovo niente da ridere e da festeggiare … dovremmo andare a raccoglire le castagne !!! sicuro +divertente

  • Ciao
    Io sono di Comacchio,e come gli amici di Corinaldo abbiano una festa fantastica di halloween che da noi si chiama Sgarabusen…60mila persone intervengono ogni anno alla nostra festa (corinaldo si passano i 70 mila in certe edizioni)…
    Alla fine halloween è diventata una festa commerciale,come il carnevale…tutto qui…solo che gli italiani hanno copiato la cosa…Io ho sempre proposto di fare una notte delle streghe o sgarabusen non il 31,ma ad agosto..sarebbe decisamente piu’ divertente..comunque io appassionato di horror e spatter,e sempre io che realizzo haunted house e cene con delitto,con halloween ho portato la mia passione in giro per il mio paese coinvolgendo tantissime persone e facendone divertire un sacco….quindi chiamatelo halloween o chiamatelo carnevale orrendo a me piace…poi l’america ha tutt’altro modo di festeggiarlo..quelle sono feste con i fiocchi..le nostre non sono altro che mercatini,stand gastronomici ecc ecc…Sono stato in virginia nel 2004…paura davvero..sono delle feste bellissime…
    comunque…halloween (intesa come festa goliardo-orrenda) in italia deve esserci,ma non dovrebbe chiamarsi halloween e non fatta il 31…

  • Rosa

    È divertente, ci si traveste da fantasmi, vampiri, zombie, si balla… negli ultimi anni, è di moda la “nuova” festa americana di importazione: Halloween. È strana, è diversa, “trasgressiva”…
    Intorno al 300 a.C., una comunità segreta di sacerdoti pagani dominava il mondo celtico europeo. Ogni anno, il 31 ottobre, giorno di Halloween, questi celebravano in onore delle loro divinità pagane il Sambain, un festival della morte. Questi sacerdoti andavano di casa in casa reclamando delle offerte per il loro dio e talvolta esigevano anche sacrifici umani. In caso di rifiuto, proferivano delle maledizioni di morte su quella casa, da qui è nato il “trick o treat” (“scherzetto o dolcetto”): maledizione oppure offerta.
    Per illuminare il loro cammino, i sacerdoti pagani portavano delle rape svuotate e tagliate in forma di viso nel quale bruciava una candela prodotta con il grasso dei sacrifici precedenti (umani o animali). Queste rape rappresentavano lo spirito che rendeva efficace le loro maledizioni. Dopo i sacrifici del 31 ottobre, la gente festeggiava per tre giorni mascherandosi con le pelli degli animali uccisi.
    Al 18° e 19° secolo, quando questa usanza è arrivata negli Stati Uniti, al posto delle rape si utilizzarono le zucche. Il nome dato allo spirito che abitava nella zucca era “Jock”, oggi conosciuto sotto il nome di “Jack” che abita nelle lanterne, da qui “Jack-o-lantern” (Jack della lanterna).
    La parola “halloween” proviene da “All Hallow’s Eve”, cioè, in traduzione: vigilia d’Ognissanti. E così si è tentati ad associare questa usanza alla tradizione cristiana. In realtà, le origini di Halloween sono completamente pagane e non hanno nessun rapporto con il cristianesimo. Oggi è palese infatti l’intenzione di molti di “de-cristianizzare” i loro paesi e portare alla ribalta il paganesimo.
    Ai nostri giorni, sappiamo che nei culti satanici praticano dei sacrifici umani durante questa notte, negli Stati Uniti, in Australia ed in Francia. In più, il 31 ottobre è l’inizio del nuovo anno secondo il calendario delle streghe. Tutto questo sta entrando anche nelle nostre scuole ed è promosso come un gioco istruttivo dagli insegnanti. Quando vediamo i nostri figli copiare l’americano “scherzetto o dolcetto” e chiedere le caramelle di casa in casa, tutto ciò pare inoffensivo e divertente, ma non stiamo associandoli a un rituale pagano? Non acconsentiamo ad avvicinare i nostri figli alle opere delle tenebre? invece non bisogna DIMENTICARSI CHE nella Parola di Dio vi è scritto:
    “Gesù parlò loro di nuovo, dicendo: “Io sono la luce del mondo; chi mi segue non camminerà nelle tenebre, ma avrà la luce della vita” (Giovanni 8:12)

    A chi giova questa festa?
    Solo Satana è interessato a banalizzare il mondo delle tenebre e a farne motivo di divertimento! Non si può giocare impunemente con il diavolo. Niente di quello che egli dà è gratuito; tutto si paga caro ed è distruttivo per le nostre anime. A costo di essere incompreso, il Cristiano non può far altro che condannare questa festa ed evitarla. Egli conosce il prezzo pagato da Gesù Cristo nostro Signore per distruggere le opere del diavolo: per noi è morto sulla croce, ma è anche risuscitato, riportando la vittoria sulla morte e su Satana.

    Il Signore Gesù ci ha liberati dal potere delle tenebre e ci ha portato la luce.
    “Non partecipate alle opere infruttuose delle tenebre piuttosto denunciatele“( Efesini 5:11)
    Che felicità poter dire: “L’Eterno è la mia luce e la mia salvezza; di chi temerò?” (Salmo 27:1)

    ” Io ti ho posto davanti la vita e la morte,
    la benedizione e la maledizione;
    scegli dunque la vita”.

    Deuteronomio 30:19

  • andrea passaglia

    gurghet@gmail.com
    rosa sei solo una stupida bigotta. fatti una vita e ragiona con la tua cazzo di testa!

  • Luca

    Andrea, sei un gran maleducato.
    Sarebbe invece opportuno riflettere su certe cose, in un mondo ormai dominato soltanto dal denaro e che stordisce per non fare pensare alle cose serie e importanti.
    Chi non ragiona con la sua testa pare essere Andrea, abbindolato dalla frenetica e consumistica vita preconfezionata dalla TV e dai media, futile e luccicante.

  • andrea passaglia

    gurghet@gmail.com
    – ad esempio, io, da quasi 4 anni non possiedo, nè guardo (a parte casi eccezzionali attraverso internet) la televisione.
    – ad esempio non sono consumista, infatti se devo fare un regalo alla persona a cui tengo di più la spesa sarà di 0.01€ per il foglio di carta e 1€ per la penna con cui le dedicherò una poesia.
    – ad esempio non sono abbindolato, in effetti sono uno dei più grandi attivisti del mio quartiere, avendo organizzato parecchie manifestazioni di successo.
    – ad esempio odio il denaro e il capitalismo, sono tendenzialmente comunista.

    Ripeto, l’importante è divertirsi non prostrarsi a ciò che hanno detto sedicenti messia.

  • andrea passaglia

    vabbè eccezionali con una zeta lo so……

  • sabina

    Non è una festa per persone civili, ma per teppisti che lanciano uova e deturpano il patrimonio ambientale!
    Halloween va abolita in Italia!

  • Questo “fullo” è uno dei pochi “savi” e con una testa realmente pensante ed equilibrata in circolazione.

  • Goffredo

    Certo che certa gente non ce la fa proprio a mantenersi: loggoroica da morire!!! Non parlo di nessuon in particolare. Dico in generale. Poi è la mia considerazione personale.

    Eppoi che c’avete contro hallowin mica l’ho capito? che siete solo invidiosi degli americani perché sono i più potenti.

    Invece di rosicare e manifestare se lavoraste una festa in più non poteva che farvi piacere

  • gurghet

    -.- siamo invidiosi perché loro hanno una festa in più? beh noi abbiamo la guerra di cuscini…

%d bloggers like this: