Far funzionare la “skype: url” in Gnome

Se avete una qualsiasi distro con Gnome e volete riuscire a far funzionare i link per la chiamata automatica da Skype (usata nei famosi bottoncini “skypeme” o “callme“), così come avviene in Windows, dovrete per forza registrare il relativo url-handlers del desktop environment tramite i gconftool-2 (o gconf-editor).

Il modo più semplice di procedere è i seguente:

cercate l’eseguibile skype-action-handler con un whereis:
ad esempio su Fedora Core 5 il risultato è:

fullo@tartar# whereis skype-action-handler
skype-action-handler: /usr/bin/skype-action-handler

a questo punto, dopo aver preso nota del path di skype-action-handler, con l’utente che usate abitualmente (perchè gconf è l’equivalente del registro di sistema di Windows e contiente le impostazioni dell’utente attivo) eseguite da shell i seguenti comandi:

fullo@tartar# /usr/bin/gconftool-2 -s -t string /desktop/gnome/url-handlers/skype/command '/usr/bin/skype-action-handler “%s”'
fullo@tartar# /usr/bin/gconftool-2 -s -t bool /desktop/gnome/url-handlers/skype/enabled true

a questo punto l’url Skype: sarà registrata dal vostro sistema ed automagicamente riconosciuta da Firefox, Epiphany e tutti i software gnome-based.

NB. ho notato che alcune vecchie versioni di Skype non vogliono le virgolette intorno a %s, se quindi l’url non vi funziona provate ad aprire gconf-editor e modificare il valore in /desktop/gnome/url-handlers/skype/

ciauz

%d bloggers like this: