Python 3000 e PHP5

Non capisco perchè in giro sia pieno di post e thread che parlano dei finti problemi che un hosting/developer/azienda/whatever potrebbe avere a migrare a php5 e non trovo altrettanti post su Python 3000.

Resta il fatto che siccome è stato pacchettizzato per Fedora 7 potrei, quasi quasi, imparare Python da 0 partendo direttamente dalla futura release..

Chissà se ne troverò mai tempo/voglia..

ciuaz

14 responses

  1. ecco buona idea vorrei fare più o meno la stessa cosa, lo scopo all’nizio era Django, ma ci pensi poi a comprare una Ferrari per andare a fare la spesa :)

  2. Ma da quello che ne so io Python3000 è totalmente incompatibile con il codice python2.6 che è la release attuale… ci dovrebbe essere un tool o qualcosa si simile per effettuare la conversione ma cmq i problemi nel passaggio possono essere un sacco…
    a confronto passare da PHP4 a PHP5 è praticamente indolore!

  3. provo a indovinare.. perché le aziende bche offrono python sono anche quelle che offrono php5, ovvero gli hosting un po’ più competenti ? :)

  4. più che altro vista la diffusione maggiore credo sia più facile parlare bene di php e meno bene di python :)

  5. @lobotomia non è il fatto di parlare bene/male.. è che non se ne parla affatto! eppure mi pare che i cambiamenti siano sostanziali.

  6. Effettivamente i cambiamenti sono sostanziali, anche a livello strutturale. Vi rimando a questa FAQ per ogni chiarimento. Comunque sia migrare codice a Python 3k non dovrebbe essere troppo difficile, soprattutto se si è sviluppato codice fino ad ora tenendo conto di ciò che è stato dichiarato deprecato in precedenza e che in Python 3000 diventa invece una regola.

  7. il fatto è che sicuramente python è meno diffuso e di tanto anche quindi
    – pochi lo usano
    – pochi lo capiscono
    – pochi ne parlano :D

  8. indubbiamente le scelte che portano a Python 3.0 sono piuttosto dolorose: la mancata compatibilità con le release 2.x è cosa dura da digerire (provate a scrivere print “Hello world” con Python 3.0 a1: e questo è il male minore, ovviamente). a ogni modo, vi consiglio di leggere cosa dice il buon van Rossum al riduardo. comunque sì, a chi si avvicina ora a Python consiglio comunque di lavorare sulla release 2.5.1 (non sottovalutate la potenza di Python, dire che pochi lo capiscono è piuttosto riduttivo). :)

    saluti

  9. Io tendo ad utilizzare le versioni ‘nativamente disponibili’ per evitare il più possibile di dover andare in giro e bestemmiare perché ho usato “una versione troppo recente”.

    Sul Mac nativamente ho Python 2.3.5 e sto sperimentando con quello. :P

  10. Beh Python di sistema a parte essere “vecchio” non ha nemmeno la readline.

    Se devi “sperimentare” io userei una versione nuova, comunque va benissimo per imparare.

  11. Il fatto che python non lo usi ‘quasi nessuno’ è una vera manna dal cielo in questo caso: gli sviluppatori del linguaggio possono rompere sintassi e strutture poco usate (dizionari e stringhe…) senza che vi sia una specie di rivolta poplare coi forconi.

    PHP 4 soffre gli stessi problemi di vecchiaia di (ouch) windows: ci sono un sacco di brutte decisioni prese disegnandolo anni fa, ma se le si corregge si avranno milioni di utenti scontenti che non vogliono migrare, e se non le si corregge si avranno milioni di utenti scontenti che il linguaggio é indietro.

    about migrazione php: mai sottovalutare le ‘cazzatine’, come una funzione che ritorna info sul sistema prima come stringa poi come array. Sono quelle cose che ti fanno uscire di testa quando migri e rendono il testing necessario, anche se leggendo il manuale non dovrebbe esserlo. Meglio rompere un sacco di cose e farlo una volta sola che non cercare di rompere poche cose e farlo spesso – vedi incombente php6 – c’é già chi vuole saltare il 5…
    ps: quiz: di quale funzione parlavo?

  12. Quella della non rivolta popolare è una cosa un po’ falsa, nel senso che la “rivolta” già c’è stata e gente con enormi codebase che farà una fatica immane o nemmeno migrerà ce n’è. Tipo Zope (chè è fermo alle 2.4) o Twisted (i cui programmatori non amano Python 3.0)

  13. Boh, sulla carta Py3k mi sembra molto meglio.

    Cmq si, per ‘sperimentare’ intendevo imparare, solo che io lo faccio sperimentando. :P Tanto, versioni più nuove male che vada cambieranno qualcosa e introdurranno feature. ;)

Comments are closed.