WordPress 2.3 in arrivo, come prepararsi.

Su Weblogs tools collection è presente una sorta di riassunto dei post fatti nella blogsfera che gravita attorno a WordPress.

Sicuramente un’ottima lettura per chi, dovrà (o vorrà) aggiornare il proprio blog.

Visti i test fatti di recente, ho deciso di pubblicare una piccola guida all’aggiornamento di WordPress che impegnerà molti utenti nei prossimi mesi… Però, prima di spiegare quali sono i passi da seguire per un corretto aggiornamento descriverò alcune delle novità introdotte dalla nuova versione del blog engine.

Che c’è di nuovo?

Tra le cose più interessanti prodotte con il nuovo WordPress, a parte la rimodellazione del db di cui ho già parlato, c’è il tool di notifica dei plugins.

Questa funzionalità, presa dai più sottogamba, permetterà di sapere sempre se uno dei nostri plugin è aggiornato o meno e se è possibile scaricarne la nuova versione. C’è però un ma, infatti il sistema non ci notifica l’aggiornamento di tutti i plugin, ma solo di quelli presenti nella directory ufficiale.

Questo comporterà che gli autori dei plugin, se vorranno che le loro creature siano ancora utilizzate, dovranno obbligatoriamente iscriversi, di riflesso si dovrebbe ottenere una sorta di controllo sullo stato e la compatibilità di tutti i plugin che eviterà spiacevoli sorprese per i poveri amministratori di blog.

Altra modifica interessante è l’aggiornamento della pagina di amministraione di post e pagine, finalmente sono stati aggiunti filtri di ricerca che permettono di fare ricerche incrociate.

Anche il redirect dei post è stato migliorato, rendendo WordPress più SEO-friendly (qualsiasi cosa voglia dire per voi). In sostanza adesso è l’engine stesso che si occupa di fare redirect usando i giusti codici HTTP senza andare a riscrivere ogni volta il file .htaccess (e grazie a questo posso benissimo mettere in pensionamento il mio mini-plugin).

Infine parliamo della funzionalità che tutti volevano e che creerà più problemi. La nuova gestione dei tags. Con la nuova beta 3 è stato finalmente introdotta l’importazione da plugin come Jerome Keywords e SimpleTags, oltre che ad un migliorato supporto a UTW. La gestione dei tags è però, imho, ancora immatura e mancano strumenti efficaci per la gestione degli stessi lato amministrazione. Anche se, vista la quantità smisurata di API introdotte scrivere plugin ad-hoc non dovrebbe diventare un compito impossibile.

Aggiornare il proprio blog alla versione 2.3 di WordPress

Veniamo ora al clue del post, cosa fare prima di aggiornare.

  1. Backup: fate un bel backup di tutto, ma proprio tutto. Template, plugins e database.
  2. Plugins: Innanzitutto prima di scaricare qualsiasi cosa controllate che i vostri plugin siano compatibili con la nuova versione del blog engine, se lo sono controllate se sono stati migrati nella directory ufficiale di WordPress.org ed aggiornateli di conseguenza. Rimuovete dalla directory wp-content/plugins/ quelli non più utilizzati/utilizzabili e disattivate i rimanenti.
  3. Template: A questo punto date un occhio alla vostra template, se è ricca di hack, chiamate al db e sfrutta in modo massiccio plugins e widget preparatevi ad un lavoro di pulizia. Copiatala in una nuova directory magari rinominando nel file style.css il nome della stessa. Eliminate tutti i plugin che non sono compatibili, riducete il numero di widget a quelli strettamente necessari (e magari disabilitate quelli non ufficiali) ed infine, se usate qualche tag-engine, aggiornate il tema usando le funzioni per la gestione dei tag nei post di wordpress 2.3. Infine passate alla template di default.
  4. WordPress: eliminate adesso i file relativi a WordPress, ricordandovi di non toccare la directory wp-content/ ed il file wp-config.php presenti entrambi nella root di installazione del vostro blog, ovviamente do per scontato che non stiate utilizzando plugin che creano directory e file dove non devono. E’ importante rimuovere la vecchia installazione perchè alcuni file sono stati rimossi e vi ritrovereste con librerie inutilizzate e quindi possibili leak di sistema.
  5. Aggiornamento DB: a questo punto procedete con il classico aggiornamento del database e controllate che l’importazione dei tags (se li usate) sia avvenuto correttamente. In caso di errore avete sempra il backup del db su cui poter lavorare. Magari tenete sott’occhio il bug-tracker relativo ai plugin di importazione.
  6. Ritocchi finali: adesso abilitate il tema precedentemente riadattato nel punto 3 e controllate i vari plugin abilitandoli uno per volta. Ritoccate la template e riprendete a bloggare felicemente.

Come nota a margine vi avviso che il sottoscritto aspetterà a migrare alcuni blog-critici solo con l’arrivo di una versione > 2.3.1 o addirittura alla 2.4 quando sarà introdotta la gestione avanzata dei tag da pannello di amministrazione.

ciuaz

10 thoughts on “WordPress 2.3 in arrivo, come prepararsi.

  1. Ma.. se uno volesse continuare ad utilizzare il vecchio sistema di tagging (tipo Simple Tagging)?! Non ho capito se questo sia effettivamente possibile o meno (per lo meno fino a quando non ci sarà una gestione ‘seria’ dei tag nativa in WP)..

    Ciao, Paolo.

Comments are closed.