jQuery 1.3, un mostro di performance

jquery_insertion_benchmarkIeri è stata rilasciata la versione 1.3 di jQuery, a mio parere una delle migliori librerie javascript sul mercato, che vede affiancate alle molte novità un notevolissimo incremento di performance.

JQuery 1.3 introduce un nuovo sub-framework per il CSS selector engine, totalmente indipendente dalla libreria e co-sviluppato con gli autori di Dojo, chiamato Sizzle. Il subframework in questione riduce del 49% i tempi di elaborazione del codice rispetto al precedente motore utilizzato in jQuery 1.2.x.

Di riflesso, tramite Sizzle, gli sviluppatori hanno potuto aggiungere (finalmente) la possibilità di associare eventi ad oggetti creati in realtime, il tutto senza preoccuparsi di dover rieseguire il bind di eventi agli stessi in caso di aggiornamento del DOM.

Ultima chicca è che questa versione di jQuery non introduce più fix per garantire compatibilità cross-browser all’interno del codice ma delega la funziona ad un oggetto dedicato chiamato jQuery.support. Questo permetterà, in futuro, di introdurre un minor numero di possibili bachi e di poter controllare più facilmente l’inserimento di nuovi controlli per i browser senza intaccare il codice dei singoli metodi del framework.

Trovate maggiori informazioni e qualche benchmark su jQuery 1.3 sulla documentazione di release ufficiale del progetto.

ciuaz

  • Mi chiedo un po’ quale sia il senso di questi benchmark, visto che sappiamo bene che 1) javascript viene messo in cache dopo la prima richiesta; 2) i client (che devono smazzarsi l’esecuzione del codice) diventano sempre più mostruosi, (quasi) costretti ormai ai 4GB di ram da sistemi operativi poco simpatici…

  • i benchmark riguardano i tempi di esecuzione dello script non di download, quindi se il parsing del DOM è lento, lo è anche se lo script viene messo in cache.

    Inoltre la ram conta poco è più una questione di CPU utilizzata per eseguire uno script, tempo fa una vecchia release di prototype/scriptacolus in particolari condizioni portava i browser al 100% di carico di CPU senza fare apparentemente nulla.

    Il fatto che stiano lavorando a migliorere le performance degli script, e che parallelamente i browser stiano (finalmente) aggiornando gli interpreti JS porterà ad avere applicazioni sempre più responsive e, di conseguenza, utilizzabili su web.

  • Beh sinceramente è una cosa formidabile, io lo uso massicciamente all’interno dei siti web che sto creando ora come ora quindi velocità in più non guasta, soprattutto con IE e pc vecchi ^^ Questi non spariranno mai XD

  • Dato che in Italia non si sviluppa quasi nulla di interessante uso Mootools, dato che questo framework rappresenta una rara eccezione.

    jQuery mi sta troppo antipatico :)

%d bloggers like this: