Categories
linux sysadmin

Aggiornare Fedora 8 usando Yum

E’ da un po’ che non parlo di Linux su questo blog, visto che ne scrivo spesso su Ossblog. Riprendo quindi a scriverne per spiegare come fare un facile upgrade di Fedora 7 a Fedora 8 usando il solo yum [alla faccia degli “apt-get distupgrade-isti“]!

Innanzitutto premetto che è importante disabilitare tutti i repository non ufficiali (come Livna) e di rimuovere i pacchetti da essi installati. Un buon inizio è quindi quello di rimuovere i pacchetti più problematici:

yum remove vlc* mplayer* gstreamer-plugins-bad

subito dopo provvediamo ad aggiornare i repository da cui scaricare la nuova versione di Fedora.

rpm -Uvh http://mirror.anl.gov/pub/fedora/linux/releases/8/Everything/i386/os/Packages/fedora-release-8-3.noarch.rpm http://mirror.anl.gov/pub/fedora/linux/releases/8/Everything/i386/os/Packages/fedora-release-notes-8.0.0-3.noarch.rpm

fatto questo controlliamo che i repository siano stati aggiunti correttamente e non come .rpmnew ed aggiorniamo yum ed rpm, rimuovendo un altro paio di pacchetti fastidiosi:

yum clean all
yum update rpm\* yum\*
rpm -e --noscripts avahi-0.6.17-1.fc7

provvediamo ora con la prima fase dell’installazione:

yum groupupdate Base 
yum groupinstall sound-and-video 
yum install libflashsupport

finito questa primo aggiornamento possiamo partire con quello più massiccio che porterà l’aggiornamento di tutti i rimanenti pacchetti ufficiali

yum -y upgrade 

Prima di riavviare, se usate driver proprietari, riabilitate i repository relativi ad aggiornate anche questi tramite yum (e magari reinstallate i software che avevate dovuto rimuovere).

Riavviate ed a questo punto una fiammante Fedora 8 comparirà sui vostri schermi.

NB
Se usate Democracy/Miro ricordatevi di installare il pacchetto xine, di cui il software è dipendente ma che non si installa automaticamente.

9 replies on “Aggiornare Fedora 8 usando Yum”

premetto che uso Linux stabilmente da poco(circa un anno) mi sto interessando a Fedora perchè dalla live sembra una vera figata.
vorrei sapere: se lo volessi installare, lasciando intatto Ubuntu come dovrei fare?

salve a tutti ….ops… chi mi spiega come faccio a lanciare lo yum groupupdate Base dopo aver cancellato tutti i pacchetti del sistema e non mi ritrovo neanche più lo yum??????
Grazie

Fedora era il gatto macrocefalo di Pelloni, il vicino e cugino di folly.
Era anche un po’ ritardato… se tu ti avvicinavi con la bicicletta non si spostava fintanto che non iniziavi a passargli con la ruota sopra la testa.
[questo sito ultimamente è troppo serio… ]

dell’aggiornamento a fedora 8…

ho messo dentro il dvd della fedora 8 per aggiornare il s.o. sul notebook
il processo di aggiornamento in se’ funziona alla perfezione, peccato che questo porco bios della phoenix sia veramente un cancro… il pc freeza nei momenti più diver….

Ma le cose che scrivi le pensi o digiti a muzzo? ;-)

Con questa procedura non upgradi proprio nulla, anzi sbreghi la macchina!

A presto..
Lorenzo

In effetti la procedura descritta seguita alla lettera ti pialla il PC ,però, lato positivo, con un pò di fantasia si recuperano i dati. Comunque ho trovato altre procedure simili tranne per il comando yum erase dbus.i386 che forse è meglio evitare.
…………….

onestamente ho aggiornato 2 notebook ed un server e non ho avuto problemi, effettivamente però lo yum erase dbus è da fare solo per macchine 64bit dove il non eliminarlo crea qualche grosso problema di dipendenze (è segnalato pure nella guida ufficiale di fedora).

che problemi avete avuto? E soprattutto da che distro aggiornavate? 5 o 6?

Io avevo la 7, e mi ha decisamente sbragato il pc, alla fine l’ho reinstallato con la 8 … ero troppo curioso.
Si magari nell guida si potrebbe aggiungere la segnalazione “fare questo solo se …..” ed anche se uno disconnette il cervello ( come nel mio caso) riesce comunque a portare a termine l’aggiornamento.

Comments are closed.