Categories
pensieri tecnologia

Blockchain, serve veramente?

Contrariamente a quanto molti affermano più passo il tempo a leggere post di sedicenti esperti di Blockchain e Crypto e più mi convinco che la tecnologia in questione oggi, rimanendo un ottimo spunto di discussione su fronte filosofico, non sia particolarmente utile ma anzi potenzialmente dannosa all’ambiente. Ma andiamo per gradi.

Categories
lifehack pensieri

Trova il tuo perché

Un paio di anni fa lessi di fila “Inizia dal perché” (Start with why) e “Trova il tuo perché” (Find your Why) di Simon Sinek. Il libro mi colpì abbastanza, non tanto per il modello/framework/workshop di ricerca del proprio perché (lasciatemi passare il termine “una americanata“) ma, per come determinati passaggi risonassero forti con una voglia di cambiamento che avevo dentro ed allo stesso tempo mi lasciassero insoddisfatto su altri livelli.

Lo vivevo come una sorta di incompletezza e non riuscivo a capire se fosse sul fronte mio di comprensione dei libri o su quanto il testo in realtà approfondisse determinati aspetti della ricerca del perchè in modo troppo approssimativo.

Categories
advisoring business design

OKR ed Elon Musk

Durante uno degli ultimi master che in cui ho fatto docenza ho portato, per spiegare gli OKR (Objective Key Result) l’esempio di Elon Musk e della costellazione di aziende che ha creato negli ultimi anni.

Prima però di parlare di come questi due temi vadano a braccetto introduciamo brevemente gli OKR e la loro importanza all’interno di un processo di innovazione.

Categories
business design Entrepreneurship eventi

Eventbrite, il prossimo Blockbuster?

Che la pandemia abbia portato un deciso scossone al mondo degli eventi è ormai evidente a tutti, se alcune aziende, quelle più piccole, hanno chiuso i battenti altre stanno convertendo, quando possibile, i propri eventi di punta in digitale o li stanno posponendo a fine anno affiancando e spingendo, nel frattempo, altre linee di business precedentemente secondarie (con Apropos stiamo, ad esempio, introducendo servizi di cabina regia virtuale per eventi live e community management potenziando nel frattempo l’area relativa a corsi online e docenze).

Categories
lifehack open source pensieri

Open Source, User eXperience Designers e karma positivo

Nella mia precedente vita da sviluppatore, ed in quella ancora precedente da sistemista, ho avuto la mia buona dose di utilizzo di software Open Source.

A tal riguardo ho sempre cercato di avere un apporto karmico neutro, usavo software Open Source per fare consulenze, mettere in piedi e mantenere sistemi o prodotti software e quindi, in sostanza, per guadagnare (karma negativo) ed allo stesso tempo dedicavo parte del mio tempo a tradurre software e libri, mantenere progetti (per qualche anno sono stato il lead developer di una suite di project management) fare da advocate, organizzare testfest o hacknight ed anche finanziare attivamente con delle bounty hunt feature che ritenevo utili per il mio lavoro o per completare il progetto (karma positivo).

(Si, state per leggere un rant.)

Categories
advisoring business design

Business Design

Negli ultimi decenni si è vista una sostanziale crescita dei temi di design all’interno di molti settori, partendo dal design industriale associato anche a temi di ergonomia per arrivare alle pratiche più recenti di user, service e customer experience design del mondo digitale (e non solo).

Negli anni la forte crescita di questi temi ha reso però consapevoli le aziende che l’attenzione alle sole necessità dell’utente (desirability) non bastano a rendere il business, prima ancora che profittevole, sostenibile.

Categories
mentorship Startup

Resilienza e Sostenibilità

Sono ormai 3 anni che collaboro come mentor per il Contamination Lab organizzato dalla Fondazione di Banca del Monte di Faenza. La collaborazione, svolta senza fine di lucro, verte interamente nell’aiutare la nascita di startup sociali ed ad impatto sul territorio fondate da giovani e futuri imprenditori. Lo faccio perché penso sia importante aiutare la crescita dell’imprenditoria locale ma soprattutto perché, penso, che a me (alla loro età) un aiuto di questo genere sarebbe piaciuto e avrebbe aiutato tantissimo.

Quest’anno, a causa della quarantena, le lezioni da me tenute e le attività di mentorship sono state svolte interamente online. Le motivazioni dietro a questo cambiamento mi hanno permesso di riflettere sull’approccio didattico finora tenuto, svecchiandolo ed approfondendo maggiormente temi che, probabilmente, avrei discusso marginalmente.

Categories
lifehack SmartWorking

Corsi online, qualche prima riflessione

Mentre continuo a raccogliere feedback riguardanti la formazione online (me ne avete lasciati?) ho iniziato ad erogare i primi workshop, inizialmente studiati per essere fruibili in aula (e che sfruttavano le pratiche acquisite durante il corso svolto lo scorso anno riguardo al training from the back of the room) in modalità full-remote.

Non voglio entrare adesso nel dettaglio del contenuto dei corsi ma più del setup (spazi, software e modalità di ingaggio) che ho preparato e di come lo farò evolvere nel prossimo futuro.

Categories
lifehack SmartWorking

Remote working, facciamolo meglio

Negli ultimi giorni, grazie ad un mio vecchio articolo, e relativo video, ho ricevuto da alcuni imprenditori richieste di approfondimento su come fare smart working efficamente.

Richieste che andavano da qual’è il miglior software di VPN a quali tools utilizzare.

Ecco, il fatto è che per fare bene remote smart working probabilmente, e lo dico con un buon grado di ottimismo, la cosa di cui dovreste discutere non è (solo) la VPN ma di come state abilitando i vostri dipendenti a farlo.

Categories
advisoring Startup

Wishraiser, startup sociale per definizione

Una delle mie prime attività come advisor per un acceleratore è stata, nel 2015, quella di seguire, sul fronte tecnico e di business design, Wishraiser. Startup in ambito Sociale (quello con la S maiuscola) nata in seno al programma di ImpactHub Fabriq che si è da subito distinta per un’idea chiara ed una capacità di testarla sul mercato con esperimenti controllati e senza la necessità, almeno nelle prime (caotiche) fasi, di un prodotto software particolarmente maturo.