Categories
lifehack webdev

3 giorni, 3 talk, 1500Km

Era da un anneto abbondante che non mi capitava di fare una tournè su tutto il territorio italiano con talk che spaziano da html5 fino al lean, ed invece pare proprio che metà-fine Marzo sarà un periodo molto impegnativo a riguardo.

Si inizia il 21 marzo con il php.to.start a Torino, organizzato dal PUG Torinese (sono sempre più orgoglioso di aver contribuito alla nascita dei pug locali) dove parlerò di come vivere su internet senza essere (per forza) una web agency.

Il 22 pomeriggio sarò invece a Bologna ad un Meetup organizzato da Intel nel programma Intel AppUp University come relatore sulle potenzialità di HTML5 ed un piccolo intervento/tutorial sui sistemi di storage client side (ormai mio cavallo di battaglia).

Stesso argomento tratterò il 24 a Roma durante il CodeMotion nel talk che ormai sto portando in giro da un annetto e che, pare, sia abbastanza richiesto.

Vi ricordo inoltre che il 13 Aprile ci sarà il Mobile PHP a Milano evento/barcamp gratuito ed aperto a tutti che verterà sull’utilizzo di PHP a supporto del mondo mobile.

Ci vediamo in giro!

Categories
lifehack pensieri webdev

Sulla riusabilità del codice

Passando molto più tempo a gestire la (follia della) gente che sul codice ho iniziato a rivedere alcuni concetti a me cari durante la mia precedente, e forse futura, vita da sviluppatore. Uno di questi è la riusabilità del codice.

Il primo tarlo sull’argomento si è presentato quando, durante l’Agile Day di Roma, mi è stato chiesto se in ideato reinventavamo la ruota ogni volta e per ogni progetto. In quell’occasione la mia risposta, data di getto e senza pensarci troppo, fu: “utilizzeresti del codice (anche tuo) scritto 4 anni fa?“. Il principio di base è che in 4 anni la tecnologia (sul web) evolve tantissimo, ed allo stesso modo evolvono le competenze dei team, riutilizzare quindi codice obsoleto e potenzialmente legacy non fa altro che limitare le potenzialità di uno sviluppatore (riducendo in alcuni casi la qualità globale del progetto).

Categories
lifehack pensieri

Flussi e riflussi: la QA(gile) dei processi di sviluppo

Quality assurance, or QA for short, refers to a program for the systematic monitoring and evaluation of the various aspects of a project, service, or facility to ensure that standards of quality are being met.

fonte wikipedia

Sarà che sono sempre stato abbastanza sensibile all’argomento (vedi anche il mio ultimo talk al phpDay 2010) e che ho sempre pensato al mio lavoro su criteri molto simili a quelle citati nel craftsmanship manifesto, ma ultimamente (diciamo nell’ultimo anno) mi pare che sempre più persone (e personaggi) che vivono nell’enorme calderone del mondo agile/xp/dialetti-vari parlino di QA.

Il problema è che, imho, ognuno riporta la QA al proprio mondo dimenticandosi di tutte le altre sfaccettature e che spesso QA nel mondo agile venga intesa in termini di code coverage.

Categories
eventi lifehack pensieri

Kaizen, Kata, Bunkai e BarCamp?

Non sono mai stato un esperto di arti marziali, quello che però mi ha sempre affascinato di queste discipline è la necessità di viverle come uno strumento necessario al continuo miglioramento.

Un miglioramento necessario, negli anime a combattere il nemico più forte (la cosiddetta sindrome da DragonBall), ad affrontare i nuovi ostacoli che ci si pongono davanti con rinnovato vigore, non solo fisico ma soprattutto, psicologico.